Il monopolio di stato ungherese per le scommesse sportive online finirà nel 2023

Novità

2022-09-14

Benard Maumo

Le scommesse sportive online legali e i giochi da casinò stanno diventando comuni a livello globale. Di recente, paesi come i Paesi Bassi, la Germania e l'Ucraina hanno rivisto le loro leggi sul gioco d'azzardo per renderle più solide e accomodanti. L'Ungheria intende seguire la stessa direzione dopo aver notificato alla Commissione europea nel febbraio 2022 i suoi piani per espandere il suo settore dei giochi. 

Il monopolio di stato ungherese per le scommesse sportive online finirà nel 2023

In base alle ultime proposte adottate dal legislatore ungherese nel luglio 2022, gli operatori di gioco d'azzardo online nell'ambito dell'EEA (Spazio economico europeo) riceveranno le licenze dalla SARA (Autorità di vigilanza degli affari normativi). Il regolamento propone il lancio sul mercato il 1° gennaio 2023. Tuttavia, i casinò fisici statali avranno la priorità nell'offerta giochi da casinò online. Inoltre, la legge non specifica il numero di licenze rilasciate dall'autorità di regolamentazione ungherese. 

Ricorda che nel 2014 il governo ha esteso le leggi sui casinò fisici per coprire il settore del gioco d'azzardo online. In cambio, l'industria del gioco d'azzardo regolamentata operava direttamente sotto il governo. La Szerencsejáték Zrt, di proprietà statale al 100%, offre attualmente tutti i servizi di scommesse sportive online, con i casinò tradizionali autorizzati a richiedere poker online e licenze di casinò. 

La licenza non sarà a buon mercato

Come previsto, l'Ungheria giocherà difficile da ottenere con la loro licenza iGaming. Dopotutto, circa il 77% della popolazione ungherese giocare in linea. Prima di richiedere il permesso, l'operatore SEE nominerà e registrerà un rappresentante presso SARA. Il regolamento prevede che il rappresentante debba essere di origine ungherese con una laurea magistrale in Economia o Giurisprudenza. Inoltre, il rappresentante deve avere una fedina penale pulita. 

Nel frattempo, gli operatori hanno un massimo di 75 giorni per registrarsi come rappresentanti e aspetteranno 120 giorni per ottenere la licenza. Si aggiunge un ulteriore termine di 15 giorni per l'iscrizione al fisco se l'operatore non è registrato. Altre condizioni di licenza includono:

  • Il richiedente deve essere operativo in un altro paese SEE per almeno cinque anni. 
  • L'operatore deve costituire una filiale ungherese con un capitale sociale di 1 miliardo di HUF (2,5 milioni di euro).
  • A SARA saranno corrisposti 250 milioni di HUF (650.000 euro). L'organismo è libero di fissare un importo superiore a 250 milioni di HUF. 
  • Il richiedente pagherà HUF 600 milioni (€ 1,5 milioni) come canone. 
  • Il richiedente SEE può offrire il gioco d'azzardo a distanza tramite un'altra società solo se registrata in Ungheria. 
  • Gli operatori devono preparare annualmente rapporti sul loro piano d'azione per la protezione dei giocatori e informare SARA.
  • L'amministratore delegato dell'operatore e il beneficiario effettivo devono essere presenti durante gli incontri di consultazione con SARA. 
  • Un operatore non può eseguire più siti Web di giochi con la stessa licenza.

Se l'operatore di gioco a distanza soddisfa queste condizioni, la licenza sarà valida per sette anni. Tuttavia, SARA può determinare il periodo purché entro il limite previsto. 

Termini di pagamento rigorosi per il gioco d'azzardo a distanza

Il disegno di legge tocca anche pagamenti di gioco online una volta che diventa legge. Secondo la legge, il fornitore di servizi di gioco a distanza elaborerà i pagamenti solo tramite il conto bancario dello scommettitore o un fornitore di servizi finanziari approvato dalla Banca nazionale ungherese. L'operatore può anche elaborare i pagamenti tramite una carta di credito/debito collegata a un istituto finanziario autorizzato in Ungheria. E sì, gli scommettitori possono effettuare depositi in contanti presso gli uffici dell'operatore. 

Il progetto di regolamento stabilisce inoltre molteplici responsabilità per i prestatori di servizi di pagamento di far rispettare i requisiti di cui sopra. Ad esempio, sospenderanno gli account di pagamento collegati ad attività di gioco illegale su consiglio di SARA. Il prestatore di servizi di pagamento deve inoltre monitorare la registrazione degli account con restrizioni sul sito Web approvato e intraprendere le azioni appropriate senza preavviso. 

Le nuove leggi calmeranno le acque?

L'Ungheria non è estranea alle controversie riguardanti le sue regole sul gioco d'azzardo. Nel 2021, Victor Orban, il primo ministro ungherese, ha esteso le licenze per le scommesse alleate fino al 2056, quando sarebbero scadute nel 2024. Per difendere la mossa "non ortodossa", il governo ha affermato che la proroga di 35 anni era la migliore del paese interesse economico. I critici hanno affermato che questa era una misura "ingiusta" per assicurarsi il sostegno politico dei suoi alleati delle scommesse. 

All'inizio del 2014, i principali giocatori europei di gioco d'azzardo online, Sports Odds e Unibet, hanno citato in giudizio l'Ungheria presso la CJUE (Corte di giustizia dell'Unione europea). Hanno affermato che le nuove leggi sul gioco d'azzardo hanno ignorato l'articolo 56 del TFUE (trattato e funzionamento dell'Unione europea). Gli operatori hanno affermato che le normative erano intenzionalmente intese a impedire agli Stati membri di offrire servizi transfrontalieri. 

Fortunatamente per loro, la CGUE si è pronunciata contro l'Ungheria, sostenendo che il loro nuovo regime di licenza ha escluso illegalmente gli operatori con licenza SEE. La panchina ha ribadito che il Paese deve adottare regolamenti sul gioco d'azzardo che soddisfino criteri trasparenti, obiettivi, proporzionati e non discriminatori. Questa sentenza è uno dei motivi per cui l'Ungheria ha accelerato le sue osservazioni alla Commissione europea nel febbraio 2022. Quindi, è sicuro concludere che il disegno di legge soddisferà la maggior parte dei quarti. 

Molto deve ancora essere fatto!

Il Normative europee sul gioco d'azzardo continuano a cambiare per soddisfare le moderne realtà del gioco. Sebbene gli operatori possano iniziare a prepararsi per richiedere la licenza SARA, la maggior parte accetta già gli scommettitori ungheresi. 

Considera questo; le nuove leggi ungheresi sul gioco d'azzardo non toccano da nessuna parte i pagamenti con portafogli elettronici. Nota che i portafogli elettronici sono l'opzione bancaria del casinò online più interessante oggi. Ciò significa che i giocatori di casinò online continueranno ad affluire su siti Web offshore, che sono più flessibili per quanto riguarda i pagamenti. 

Un'altra area che la legge non ha affrontato è se le vincite saranno tassabili. Attualmente, tutte le vincite presso gli operatori legali sono esenti da tassazione, mentre il tesoro tassa gli operatori di casinò. Quindi, sarà interessante come verranno sigillate le "aree grigie" del disegno di legge in futuro.

Ultime novità

La guida definitiva alle quote della roulette per risultati migliori
2022-09-27

La guida definitiva alle quote della roulette per risultati migliori

Novità